Scusi lei... Ucciderebbe mio marito?

Lo studio legale Ross & Duvall viene coinvolto nelle vicissitudini di due donne profondamente diverse ma con un unico obiettivo comune: il signor Lewis Mitchell. La loro voglia di vendicarsi dell’uomo mette a dura prova la professionalità degli avvocati che dovranno destreggiarsi anche in situazioni tragicomiche provocate da segretarie pasticcione, da un uomo delle pulizie impiccione, da detective, polizia e… dal povero malcapitato Lewis Mitchell. L’omicidio aleggia nell'aria sin dalle prime battute e si compirà…sì…si compirà ma…in un finale davvero a sorpresa.

con Luigi Pellicioli, Stefano Radaelli, Enrica Panza, Adelio Scotti, Fiorenza Villa, Eleonora Alessio, Lodette Vitali, Claudio Giovenzana, Giuseppe Colleoni, Augusto Tagliaferri, Ciro Ascione.

Il colpo della strega

LOCANDINA

il colpo della strega locandina non solo teatro

REPLICHE

14 dicembre 2018 - CT San Fedele - Calusco d'Adda (BG)
12 gennaio 2019 - Comenduno (BG)

13 a tavola

Al cenone di Natale organizzato dai coniugi Villardier nel loro lussuoso appartamento ne succedono di tutti i colori, non solo perché all'ultimo minuto, per una serie di inconvenienti, la padrona di casa si è accorta che i commensali sarebbero stati tredici, numero ritenuto dalla padrona di casa molto sfortunato quando si tratta di mettere mano a forchetta e coltello, bensì per l'arrivo inaspettato di un scomoda "intrusa", una vecchia fiamma del padrone di casa e da lui lasciata in gioventù senza troppe spiegazioni.

con Lodette Vitali, Irene Filippazzo, Adelio Scotti, Stefano Radaelli, Fiorenza Villa, Claudio Giovenzana, Eleonora Alessio, Massimo Cocchi/Daniele Chiari.

La Rosa Bianca

Tratto dal testo di Lilian Groag, La Rosa Bianca è la vera storia di un gruppo di giovani che si oppose pacificamente al nazismo e alla sua violenza. Armati di letteratura, sogni e coraggio i ragazzi del gruppo resistente iniziarono a diffondere volantini in cui si denunciavano le ingiustizie e le menzogne della dittatura. La storia si svolge durante i cinque giorni di interrogatorio dei ragazzi, alternando accenni della loro quotidianità in cui emerge la loro giovinezza e la loro voglia di vivere in un mondo migliore.

L'importanza di chiamarsi Ernest

Il celebre testo di Oscar Wilde viene trasportato nei frizzanti anni ’50. Due giovanotti di carattere opposto costruiscono un sistema di menzogne per conquistare le due ragazze di cui sono perdutamente innamorate in una società dove l’unica cosa che conta è il nome di battesimo. Uno scontro tra classi sociali e modi di vivere cela una velata ironia nei confronti della commedia moderna, dove l’assurdo diventa la realtà di tutti i giorni. Nel decennio in cui divampava il Rock and Roll prende vita la commedia in cui per tutto il tempo ci si chiede: chi sarà il vero Ernest?

Segui Non Solo Teatro su...